Sciroppo d’acero per dimagrire: come si prepara e come usarlo

Lo sciroppo d’acero aiuta a dimagrire rapidamente ed è la soluzione perfetta per perdere in fretta quei fastidiosi chili di troppo che tanto spesso ci tormentano. La dieta a base di sciroppo d’acero va seguita al massimo per una settimana e non di più.

Fu inventata dal naturopata americano Burroughs negli anni Quaranta quando scoprì le preziose proprietà dello sciroppo d’acero. E’ infatti una bevanda che contiene acido folico, acido malico e vari minerali come il magnesio, il potassio, il ferro e il calcio.

Per questo ha benefici effetti sull’organismo in quanto svolge funzioni antiossidanti, rinfrescanti, antitumorali, antibatteriche, rimineralizzanti e quelle specifiche legate al dimagrimento. Lo sciroppo d’acero ha proprietà energizzanti, termogenetiche, antistipsi, drenanti-depurative e soprattutto diuretiche.

L’assunzione dello sciroppo nel regime dietetico creato da Burroughs non comporta problemi per la salute, anche se non è equilibrato perché è privo di fibre e proteine. Nei sette giorni si assume soltanto il beverone a base di sciroppo d’acero che pulisce l’organismo dalle tossine e rende più resistenti alle malattie. Oltre al dimagrimento, la pelle e i capelli risulteranno più luminosi e le unghie più forti.

La dieta non va protratta più a lungo perché, mancando i nutrienti necessari al corpo, si potrebbero verificare seri problemi di salute. Quelli più dannosi sono la compromissione della flora batterica, disidratazione, carie e squilibrio elettrolitico.

Dieta dello sciroppo d’acero

Ci sono quattro diversi regimi che si possono seguire, a seconda di quello che più rispecchia le proprie esigenze. Si può decidere di assumere lo sciroppo d’acero soltanto un giorno alla settimana o scegliere di sostituirlo ad un pasto della giornata. In questo caso si sceglie il pranzo, la colazione o la cena e per tutta la durata della dieta si procede in questo modo. Affinché funzioni bisogna dimenticarsi, negli altri pasti, di assumere alcool, fritto, carne rossa, formaggi e latticini, caffè e pane bianco.

Per un regime disintossicante occorre nutrirsi bevendo soltanto lo sciroppo d’acero per tutta la durata della dieta, fino ad un massimo di 7 giorni. Infine si può optare per un regime completo ovvero decidere di bere solo lo sciroppo d’acero per un giorno a settimana, per 12 mesi. All’interno di questo regime si può inserire in sostituzione, per due volte all’anno, il regime disintossicante.

Come preparare lo sciroppo d’acero

Il beverone allo sciroppo d’acero si prepara con 2 cucchiai di sciroppo d’acero puro, 2 cucchiai di succo di limone e 280 ml di acqua calda. A questi ingredienti va aggiunto un pizzico di pepe di Cayenna. Un bicchiere di sciroppo contiene circa 110 kcal. Il beverone si può assumere da 6 a 9 volte al giorno, soprattutto quando si avvertono gli stimoli della fame.

Dieta dopo il trattamento

Quando si termina la dieta a base di sciroppo d’acero, il fisico non è più abituato al cibo, per cui bisogna tornare in maniera graduale alla normalità. Il primo giorno si può bere del succo di arancia, diluito in acqua se si hanno problemi di digestione. Il secondo giorno si beve il succo d’arancia al mattino e al pomeriggio mentre alla sera si può mangiare un brodo vegetale o una zuppa.

La dieta del terzo giorno post trattamento allo sciroppo d’acero prevede di bere il succo d’arancia al mattino e di mangiare a pranzo la stessa zuppa della sera prima. A questa si possono aggiungere quattro crackers di segale. Poi a cena si varia con verdura e frutta cruda. Dal quarto giorno in poi si può bere lo sciroppo d’acero a colazione e riprendere i normali pasti durante la giornata.