Meditazione dei sassolini di Thich Nhat Hanh per bambini

Meditazione torre di pietra

La meditazione è spesso vista erroneamente come qualcosa di astratto e per nulla tangibile, chiaramente parliamo di quella parte di popolazione che non si è mai avvicinata a pratiche di questo genere. Non solo tale sistema porta alla presa di coscienza di sé stessi e ad entrare positivamente in contatto con l‘lo interiore, ma è anche una pratica molto adatta a tutte le età, bambini compresi. Il nostro articolo si rivolge proprio a quest’ultima categoria, per la quale molte tecniche di meditazione risultano efficaci e congeniali.

Meditazione bambini: i sassolini di Thich Nhat Hanh

Se vi state domandando come fanno a meditare i bambini, la risposta la troviamo in alcune particolari tecniche di meditazione. Una di queste è quella che utilizza i sassolini di Thich Nhat Hanh (monaco Buddhista al quale è attribuita questa tecnica). Ogni bambino avrà per sé 4 sassolini e dovrà assumere una specifica posizione, cioè seduto con le gambe incrociate.

Tutto è volto a stimolare nel bambino la concentrazione e la ricerca di sé stesso attraverso la realizzazione di pensieri astratti associati al sassolino. I 4 sassolini devono essere posizionati a terra alla propria sinistra e saranno associati ad un determinato pensiero, che dovrà essere evocato quando si prenderà in mano il sassolino corrispondente. Ecco quali sono i 4 significati:

  • Il primo sassolino rappresenta un fiore, che di per sé evoca freschezza. In pratica il principio è quello di sentirsi freschi e puri come un fiore.
  • Il secondo sassolino simboleggia una montagna, che deve portare idea di solidità interiore durante la respirazione.
  • Il terzo sassolino rappresenta l’acqua e sta a simboleggiare che le cose si riflettono esattamente come sono nella realtà.
  • Il quarto sassolino rappresenta uno spazio aperto, tale momento di respirazione deve spingere il bambino a sentirsi completamente libero da ogni preoccupazione.

Si dovrà proseguire con la ripetizione del pensiero per almeno tre volte, prima di procedere con l’abbassamento dolce del sassolino adagiandolo alla propria destra, per poi prendere il secondo alla propria sinistra. Alla fine, conclusi i sassolini, si chiude la meditazione con un bel sorriso che sia di buon auspicio per sé e per gli altri.

Meditazione per tutti

La meditazione non è specificatamente dedicata ad una nicchia, ma tutti possono praticarla, come abbiamo visto anche i bambini. Partendo da tecniche diverse, come anche i presupposti e gli obiettivi diversificati, ogni età trova nella meditazione la propria risposta. Sia negli adulti che nei bambini, la pratica di meditazione aiuta a migliorare la concentrazione e a prendere coscienza del presente.

È lo stesso Thich Nhat Hanh a descrivere in un libro il sistema della meditazione dei sassolini nei bambini. Tale tecnica è possibile inserirla sia durante le sessioni di Yoga (a inizio o fine lezione), sia durante le ore di scuola. Un sistema che porta alla calma una classe di bambini, ottimo momento di serenità per alunni e insegnanti. Ovunque venga utilizzata, la tecnica dei sassolini è la giusta strada per il benessere psicofisico dei bambini.