Dimagrire dopo la gravidanza con lo Yoga

Donna in gravidanza e yoga

Stringere tra le braccia il proprio bebè non ha prezzo, ma anche ritrovare la linea perduta è un desiderio che sicuramente tutte vorrebbero esaudire. Dopo nove mesi di cambiamenti fisici funzionali alla formazione, alla crescita ed infine alla nascita del piccolino, l’organismo ha necessità di ritrovare il suo equilibrio: soltanto così si può sperare di riacquistare la linea.

Un po’ di dieta mirata, un po’ di disciplina ed un po’ di attività fisica, il tutto senza stress, è la ricetta ideale.

Yoga e silhouette

In un articolo sul sito tutineneonato.it sono elencate tutte le attività consigliate o meno per riacquistare la linea subito dopo il parto. Tra quelle utili non può non trovare spazio lo yoga, disciplina orientale che consente di ripristinare l’equilibrio del fisico e della mente e di rimettersi in forma con quella gradualità che tanto bene fa al corpo di una neomamma.

Lo yoga, al pari del pilates, allena principalmente i muscoli dell’area addominale. Questo evita non soltanto di lasciar collassare quella zona rendendo quindi ancor più difficoltoso ritrovare la propria forma fisica, ma anche di assumere una posizione curva, la stessa che inconsapevolmente si prende in gravidanza per bilanciare il peso del pancione.

Queste due operazioni portano, dopo qualche tempo e combinate ad una dieta equilibrata, ad un dimagrimento della zona critica.

Non solo addominali

Ma lo yoga, specialmente dopo il parto, serve anche a rinforzare un po’ il pavimento pelvico. Quest’area del corpo, subito prima e subito dopo la nascita del piccolino ha infatti perso tonicità ed elasticità (cosa che alla lunga potrebbe influire anche sulla qualità della vita sessuale della mamma).

In più quest’antica disciplina orientale agirà sulla colonna vertebrale distendendola, rassoderà cosce e gambe e tonificherà i glutei: insomma, praticamente vi rimetterà a nuovo!

Lo yoga in occidente

Sarà pure una disciplina orientale, ma ormai la sua diffusione in occidente è pressoché incontrastabile. Non è un caso che il 21 giugno di ogni anno si celebri la giornata nazionale dello yoga!

Perché questa data? Perché il mondo sembra rinascere celebrando l’arrivo della bella stagione e la forza vivificatrice del sole. Insomma: un po’ quello che dovrebbe succedere ai corpi e alle menti che impareranno a respirare al giusto ritmo, a meditare e ad assaporare la vita come da secoli hanno imparato a fare i popoli orientali!

L’evento, almeno per quanto riguarda l’Italia, è tradizionalmente molto atteso a Roma e dintorni.

Yoga e psiche

Lo yoga, chiunque ne è a conoscenza, non è soltanto una disciplina fisica: esso presuppone infatti il pieno controllo della mente nonché la capacità di saper dominare le situazioni esterne ed apparentemente poco semplici da affrontare. Per questo motivo la disciplina ben si addice alle neomamme: sono tantissimi i cambiamenti e le difficoltà che, siamo sicuri, dovranno (e riusciranno) a fronteggiare (ma l’aiutino da casa non guasta mai).

La prima di tutte? L’idea di affidare il piccolino a qualcun’altro mentre lei dedica un po’ di tempo alla sua vita da donna. Beh, se proprio la possibilità di lasciare il bebè ai nonni o peggio ancora al nido o alle baby sitter non vi attira poi molto, potete portarlo con voi in palestra: esistono ormai moltissime strutture attrezzate in tal senso.