Come aprire un centro estetico e del benessere

Stai prendendo in considerazione di aprire un centro estetico e mettere così in pratica gli anni di studio nel settore. Chi decide di aprire un centro benessere di solito lo fa per due motivi: da una parte rispondere alla crescente esigenza delle persone di prendersi cura del proprio corpo e dall’altra la voglia di lavorare in un campo estremamente appassionante.

Aprire un negozio nel campo della cura personale oggi può rappresentare una mossa vincente. Questo settore è cresciuto notevolmente negli ultimi anni e il fatturato è davvero da capogiro. Se sai fare bene il tuo mestiere e hai voglia di metterti in gioco puoi ottenere grandissimi risultati.

Come aprire un centro di estetica e di benessere

Aprire un centro di estetica e di benessere rappresenta una delle migliori idee imprenditoriali del momento. Si tratta di un business che potenzialmente può portarti grandi soddisfazioni. Prima però decidi bene che servizi vuoi offrire. Spesso l’errore iniziale è quello di non inquadrare bene il tipo di negozio che si intende aprire.

Per esempio potresti decidere di aprire un centro benessere olistico, un centro di massaggi, un centro estetico, una SPA, un centro solarium, etc. Alcune di queste attività possono in parte essere mischiate tra di loro. Di solito chi apre un centro estetico offre anche il servizio di massaggi, così come può decidere di riservare un paio di cabine alle macchine abbronzanti.

Requisiti per aprire un centro estetico

Quando avrai ben chiaro quali sono i servizi che intendi proporre ai tuoi clienti, devi capire se hai le carte in regola per avviare l’attività. Devi sapere infatti che in Italia devi essere in possesso di un diploma di estetista.

Per aprire un centro estetico esistono due vie. Da una parte puoi scegliere di seguire un corso di estetista della durata di tre anni. Durante i primi due anni devi seguire un corso di 1800 ore in totale e dopo fare un anno di stage presso un centro estetico. Alla fine basta sostenere un esame per ottenere il certificato di abilitazione.

Altrimenti se hai già lavorato per almeno tre anni presso un centro estetico come apprendista, puoi scegliere di frequentare un corso regionale di 300 ore per ottenere l’abilitazione.

Iter burocratico per aprire un centro benessere

Considera che ogni regione italiana ha un differente iter burocratico per aprire un centro estetico. Ecco perché prima di avviare l’attività ti consiglio di rivolgerti allo sportello unico delle attività produttive presente nel tuo Comune. Grazie alle informazioni che ottieni puoi sapere con precisione come devi muoverti.

Ci sono comunque dei passi che devi svolgere indipendentemente dalla regione in cui aprirai il centro. Prima di tutto hai bisogno di registrare la tua impresa alla Camera di Commercio nel Registro Ditte e nell’Albo Imprese Artigiane. Al comune tuo di residenza invece devi richiedere la licenza centro estetico.

Devi aprire la partita IVA (vedi come fare) abbinata a uno specifico codice ATECO, in questo caso per i servizi degli istituti di bellezza il numero codice giusto è 96.02.02. Dopo hai bisogno di ottenere dall’ASL il nullaosta igienico-sanitario che è di competenza nella tua zona. Si occupa infatti di verificare se sono presenti tutti i requisiti fondamentali perla legge. Infine devi regolamentare la tua posizione presso l’INPS e l’INAIL.

Scegli la posizione giusta del negozio

Magari hai già una base di clienti, però considera che quasi sicuramente se è la prima volta che apri un negozio tuo hai bisogno anche di allargare il giro per rientrare nell’investimento iniziale, far fronte alle spese, pagare eventuali dipendenti e ottenere ovviamente delle buone entrate per te. Per questo motivo devi scegliere bene la posizione dove aprire il negozio per ottenere un ottimo volume di affari.

L’ideale è aprirlo in una strada molto frequentata del centro città. I costi è vero, possono essere molto più elevati, però allo stesso tempo puoi ottenere un maggior riscontro economico. Buona parte dei nuovi clienti infatti arriveranno dalle persone che vivono in zona e quelle che passando per il centro ti noteranno potrebbero decidere di provare i tuoi servizi.

Il locale deve essere abbastanza grande da ospitare le cabine giuste per i tuoi trattamenti. Opta per un locale luminoso e ben arredato, con uno stile confortevole. La struttura deve infine rispettare tutte le leggi in materia di sicurezza e di privacy.

Quanto costa aprire un centro estetico

Per aprire il centro estetico dovrai considerare il costo per ottenere le licenze, le spese iniziali per l’acquisto di tutte le attrezzature che puoi trovare su https://passioneprofessionale.it/ insieme a creme, maschere e cere, gli elementi di arredo, i costi dell’affitto, le utenze, i costi di gestione e le tasse.

Soprattutto all’inizio dovresti valutare di investire alcune migliaia di euro per una buona campagna pubblicitaria sia online che offline. Può rappresentare una buona pubblicità anche la creazione di un sito web dedicato per farti conoscere. All’inizio se vuoi risparmiare un po’ sui costi puoi decidere di lavorare da sola senza assumere personale che potrai iniziare ad assumenre successivamente.